Un cavaliere meccanico, capace di stare in piedi, sedersi e sollevare la visiera dell’elmo: nel cinquecento il genio fiorentino aveva già progettato ciò che sarebbe stato realizzato secoli