Come aprire un blog

Volete condividere le vostre conoscenze o le vostre passioni con il grande popolo della rete? La soluzione è semplice: aprire un blog. Ed è semplice anche attuarlo, questo progetto. Basta solo affidarsi alle piattaforme giuste e, ovviamente, avere tante idee originali per produrre contenuti di qualità. Ecco allora come fare.

Come aprire un blog

Se nel tempo siete diventati esperti in una determinata materia, o volete semplicemente avere uno spazio tutto vostro per condividere pensieri, tutorial o informazioni di vario genere con il web, la soluzione più semplice è aprire un blog, uno spazio virtuale in cui caricare i vostri articoli, le immagini e i video che preferite.

Se avete tante idee in testa, ma a mancarvi è la conoscenza tecnica delle piattaforme che ospita i blog, niente paura: non è poi così difficile come sembra e le possibilità sono moltissime. Spesso, infatti, si pensa che l’apertura di uno spazio web o di un sito internet personale sia necessariamente legata alla competenza di un informatico e di un webmaster.

E, in effetti, così è, basti pensare per esempio a siti web commerciali o aziendali. Ma quando si vuole aprire un semplice blog a uno personale, o anche solo un sito web per pubblicare contenuti, possiamo anche cavarcela da soli e non è poi così impossibile come potrebbe sembrare. Vediamo allora come fare, passo dopo passo, per aprire un blog personale.

Spazio gratuito o dominio?

È la domanda che affligge quasi tutte le persone che sono in procinto di aprire un blog. La risposta è semplice ed è: dipende. Dipende dagli obiettivi che vi prefissati e dall’intenzione che avete di fare del vostro blog. Se volete aprire un blog e tenerlo come una sorta di diario personale, acquistare un dominio non vi serve a nulla quando avete a disposizione diverse piattaforme gratuite.

Se invece per voi il blog è un investimento e volete con il tempo trasformarlo in una possibile occasione lavorativa, allora è bene acquistare un dominio e un proprio spazio web. Certo, potete sempre cominciare con una piattaforma gratuita e poi, se le cose vanno bene, comprare il dominio e l’hosting in un secondo momento, ma in questo caso sarete costretti a spostare virtualmente il blog, con la conseguente perdita dei visitatori e della reputazione on line che vi siete costruiti con il tempo. In fondo l’acquisto del dominio prevede un investimento di poche decine di euro all’anno e, nel caso il blog andasse male, non saranno molti i soldi investiti che andranno persi.

Creare un blog con WordPress

Una delle piattaforme più utilizzate per i blog è WordPress, un CMS open source e completamente gratuito che può essere installato su qualunque spazio web. WordPress può inoltre essere arricchito con diverse funzioni, anche personalizzate, grazie all’utilizzo di diversi plug-in che possono essere sviluppati.

Se scegliete di affidarvi a WordPress, avete due opzioni: installare WordPress.com oppure affidarvi alla versione tradizionale WordPress.org. WordPress.com vi permette di creare a costo zero un sito in pochissimi passaggi, anche se ci sono delle limitazioni, tra cui quella di non poter installare alcun tipo di plug-in e di non poter inserire banner pubblicitari nel caso in cui vogliate monetizzare i vostri contenuti. La versione classica di WordPress, invece, presuppone l’acquisto di uno dominio, ossia lo spazio web che ospiterà il vostro sito.

La prima soluzione è consigliata a chi desidera aprire un blog personale con l’intenzione di aggiornarlo di tanto in tanto. La seconda, invece, è la soluzione migliore per chi vuole creare un proprio sito web, farlo crescere nel tempo per raggiungere ampie fette di pubblico e monetizzare i contenuti proposti mediante l’inserimento di banner pubblicitari.

WordPress. Com è più semplice da installare. Questi sono i passaggi da eseguire:

  • Collegarsi al sito
  • Cliccare “crea sito web”
  • Inserire la descrizione del blog nella casella apposita
  • Scegliere un tema tra quelli proposti
  • Indicare un indirizzo mail associato al blog
  • Cliccare su “piano gratuito” e compilare il modulo con i dati richiesti
  • Cliccare su “crea blog” e poi su “continua”

Una volta completati tutti i passaggi potrete accedere alla Dashboard e cominciare a caricare il vostro primo articolo. WordPress è molto intuitivo e semplice da usare e, in caso di dubbi, potete sempre rivolgervi al forum ufficiale.

Se invece volete optare per la versione tradizionale, WordPress.org, per prima cosa dovete acquistare il dominio e l’hosting su cui caricare la piattaforma. Fatto questo, ecco quali sono i passaggi da seguire:

  • Collegarsi al sito WordPress.org e scaricare il programma
  • Estrarre il contenuto del download in una cartella creata e modificare il file wp-config-sample.php, usando un qualsiasi editor di testo
  • Scaricare un programma FTP e caricare i file di WordPress sullo spazio web
  • Collegarsi alla pagina e completare la procedura di iscrizione.

Questa procedura è ideale per chi ha già un po’ dimestichezza con WordPress, ma nel caso non sia così, non temete: quasi tutti i portali che vendono i domini e gli spazi web offrono una procedura assistita e il caricamento automatico della piattaforma.

Creare un blog con Blogger

Se volete partire da una piattaforma ancora più semplice, la soluzione migliore è Blogger, un servizio di Google che offre uno spazio gratuito per tutti i siti e la possibilità di inserire eventuali banner pubblicitari con il programma Adsense.

Basta collegarsi alla pagina web, inserire le proprie credenziali Google e creare il blog partendo da un profilo blogger o direttamente dal profilo Google +. La procedura di configurazione è semplice e veloce ed è anche possibile, nel corso del tempo, modificare i temi e le impostazioni del vostro blog.

A differenza della versione semplice di WordPress, Blogger ha un sistema un po’ più flessibile e permette di personalizzare i temi. L’unico neo, però, è l’indirizzo del sito web, che rimarrà comunque: nomedelsito.blogspot.it

Creare un blog con Tumblr

Se siete alle prime armi, anche con la scrittura, forse la soluzione migliore è qualcosa di ancora più semplice, come la piattaforma Tumblr, che offre la possibilità di aprire un blog in pochi minuti e di caricare post un po’ più brevi di quello che potrebbe essere un normale articolo. La particolarità, nonché nota positiva di questa piattaforma, però, è la possibilità di aggiungere molti contenuti multimediali, come video e foto.

Per creare il blog basta registrarsi su Tumblr, cliccare sul pulsante “inizia” e compilare il modulo con tutti i dati che vengono richiesti, compresa la mail, un nome utente e la password. È importante anche inserire l’età e accettare tutte le condizioni prima di andare avanti con la procedura guidata.

Svolti tutti questi passaggi, potrete accedere al pannello principale. Basta cliccare sull’icona su cui è disegnata la matita ed ecco che potrete iniziare a postare il vostro primo contenuto, scegliendo tra le tipologie che vi verranno proposte. La piattaforma si può anche personalizzare ed è una buona occasione per rendere il proprio spazio web più accattivante e interessante dal punto di vista estetico.

Creare un blog con medium

L’ultima piattaforma che avete a disposizione per creare un blog personale si chiama Medium, una sorta di commistione tra un tradizionale social media e una piattaforma per blog. È stata creata dagli ideatori di Twitter ed è molto apprezzata dagli utenti perché immediata e semplice da usare.

Per creare un blog con questa piattaforma basta collegarsi al sito e iscriversi per creare un account, oppure accedere usando il profilo Facebook, Twitter o Google. Cliccando sull’opzione che consente di creare un account è possibile scegliere gli argomenti a cui siete più interessati e iniziare a seguire i diversi utenti che compaiono nella schermata. Per caricare un post, basta cliccare sull’icona che rappresenta il proprio avatar e sulla voce “new story”.

Su Medium si possono caricare soltanto post, niente articoli o contenuti corposi. Non si possono nemmeno impostare pulg-in o qualsiasi altro tema grafico, così come non è possibile inserire banner pubblicitari. In cambio, però, la piattaforma è una delle migliori se con la scrittura siete alle prime armi e cercate qualcosa di semplice e veloce che vi consenta di partecipare in modo attivo alle diverse community web. Gli articoli si possono commentare e condividere, e qui entra in gioco il sistema che rende la piattaforma simile al social media.

Consigli per avere un blog di successo

Ora che avete creato il vostro blog, non vi resta che curarlo ogni giorno, arricchendolo di contenuti sempre nuovi e originali. Il successo sul web non piove dal cielo, non arriva per caso e per ottenerlo ci vuole impegno e costanza. Ma come si traducono nel concreto questi buoni propositi?

Per prima cosa il blog, per creare un flusso di visualizzazioni corpose, deve essere aggiornato in modo costante e quotidianamente. Se abbandonate il vostro blog per qualche mese, o lo trascurate nel tempo, perderete rovinosamente il vostro posizionamento sui motori di ricerca e tutto il lavoro fatto fino a quel momento.

E non dimenticate nemmeno che i contenuti devono essere sempre originali e di buona qualità. Sul web le regole sono precise: i contenuti copiati vengono penalizzati e di conseguenza compaiono in basso nei motori di ricerca. Meglio lavorare bene e nel modo giusto, e i risultati prima o poi arriveranno.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *